• Giornale Storico del Centro Studi di Psicologia e Letteratura 
Psicologia e Ironia  
n. 18 - 2014
    Psicologia

    Giornale Storico del Centro Studi di Psicologia e Letteratura
    Psicologia e Ironia
    n. 18 - 2014

    17,00 €

    Spese di spedizione a partire da 5,65€

    Disponibile in magazzino

Giornale Storico del Centro Studi di Psicologia e Letteratura Psicologia e Ironia n. 18 - 2014

Gli autori

Attenzione!

I nostri uffici resteranno chiusi per ferie dal 3 al 25 Agosto compresi.
In questo periodo sarà comunque possibile effettuare ordini dal sito ma non se ne garantisce l'evasione prima del 26 Agosto.

Alpes Italia vi augura buone vacanze!

Freud, con la sua opera Il motto di spirito, può essere considerato anche tra i più importanti scrittori umoristi del Novecento, alla stregua di Cervantes, Lewis Carroll, Joyce, Steinbeck, Jarry, Fante, Ionesco, Ennio Flaiano e Dario Fo. L’inclinazione del Padre della Psicoanalisi anche allo studio della battuta di spirito e la sua scoperta delle connesse implicazioni inconsce, significative e curative, deriva certamente dalle sue origini ebraiche. Oggi, tutti gli psicoanalisti suoi discepoli, semiti o gentili, ortodossi o dissidenti, non possono fare a meno di utilizzare l’ironia come uno strumento utilissimo e sublimante del loro lavoro.
Inaugurata da Socrate come strategia maieutica, studiata da filosofi come Kierkegaard, Bergson e Jankélévitch, l’ironia è un atteggiamento verso il mondo che può diventare uno stile di vita. Il discorso ironico si gioca, anche, tra riconoscibilità e leggerezza.
Gli interventi degli autori che hanno partecipato a questo volume, che spaziano dalla filosofia alla letteratura, dalla clinica al teatro e al cinema, sembrano voler indicare che l’ironia può essere un modo intrigante e lucido al fine della ricerca della verità.
I lettori potranno sorridere su Gli scherzi di Ermes di Benedetta Rinaldi e confortarsi all’idea che A Dio piace ridere, di Marina Malizia; riflettere con Graziano Perillo su Socrate, ovvero dell’ironia e del dialogo; rifornirsi di carburante filosofico grazie a L’ironia come facoltà psicologica della mente di Giuseppe D’Acunto; Ironia: della sorte? è la sfida che propone Luciano Amato Fargnoli; Ironia e dintorni: risorsa efficace per il benessere dei curanti è il tema affrontato da Paola Russo; Ironia e rabbia vengono raccontate da Alessandro Uselli attraverso il teatro di Antonio Rezza e Flavia Mastrella; l’autore e regista teatrale Marcello Cotugno si cimenta con L’atroce ironia del quotidiano nella drammaturgia post-moderna anglofona; Roberto Cantatrione si (e ci) diverte con il suo Elogio dell’ironia (e del mal di schiena); Antonio Dorella svolge una ricerca su Le barzellette del Cavaliere durante il suo “ventennio”; Simonetta Putti si avvicina all’ironia con un ossimoro: L’ironia e la distanza; Amedeo Caruso conduce i lettori in una visita a Psicocinecomicit(t)à, una trasvolata immaginaria per (ri-)vedere diversi, deliziosi film che prendono di mira gli psicoanalisti, naturalmente con ironia e sarcasmo.
Questo libro è stato concepito sia per gli Psicoanalisti ed i loro Pazienti, sia per tutti quelli che hanno capito che la vita non è vita senza il gioco, lo scherzo, il sorriso, l’ironia.

>