• Attualità Lacaniana 
L'orizzonte della donna
n. 16/2013
    Psicologia

    Attualità Lacaniana
    L'orizzonte della donna
    n. 16/2013

    16,00 €

    Spese di spedizione a partire da 10,98€

    Disponibile in magazzino

Attualità Lacaniana L'orizzonte della donna n. 16/2013

Gli autori

Attenzione!

I nostri uffici resteranno chiusi per ferie dal 1 al 23 Agosto compresi.

In questo periodo sarà comunque possibile effettuare ordini dal sito con spedizione tramite corriere ma non se ne garantisce l'evasione prima del 24 Agosto.

Alpes Italia vi augura buone vacanze!

“L’infanzia, la follia e la femminilità” secondo Miquel Bassols, “non sono soltanto i tre soggetti che hanno incarnato tradizionalmente e in società diverse le figure di maggiore debolezza e necessità di protezione. Essi sono fondamentalmente il luogo di parola rifiutata, rimossa nel senso più radicale del termine”, e divengono spazio privilegiato della violenza. Su tale sfondo di assenza di parola la particolarità de La/donna, del suo non essere del tutto definibile nella dimensione fallica, nel suo essere eccezione, favorisce l’affiorare violento di ripetuti passaggi all’atto, attraverso i quali il maschile tenta di sopprimere i resti inassimilabili ed eterogenei, non integrabili nella propria immagine narcisistica. Si deve al pensiero di Lacan, alla sua insistenza sulla dissimmetria irriducibile tra uomo e donna, lo spostamento del discorso da una presunta mancanza del femminile a una diversa posta in gioco.
Se lo scientismo e il discorso universitario, attestati sulla quantificazione numerica, trattano la follia e l’infanzia come categorie universali con protocolli preformati, la donna sembra invece cercare un dire e un agire non assoggettati a modelli. La parola dell’amore, la parola poetica, sono declinazioni del desiderio diretto a mutare la scacchiera di una realtà impoverita di simbolico.
In un periodo in cui il godimento è al comando anche il corpo del bambino è modellato su immagine e costruzione della tecnica, mentre la psicoanalisi non si sottrae a un ascolto attento alla particolarità e singolarità della sofferenza senza ricorrere al gelido ”anonimato della competenza”.
Diversi saggi all’interno del volume, trascritti a partire dal Forum: Il bambino oggetto della scienza (Bologna, 2013), mettono in luce nodi complessi e problematici del rapporto tra pedagogia, psicoanalisi e scienza, nell’attuale Disagio della civiltà.

>