Abitare la caduta

Gli autori

Attenzione!

I nostri uffici resteranno chiusi per ferie dal 1 al 28 Agosto compresi.

In questo periodo sarà comunque possibile effettuare ordini dal sito con spedizione tramite corriere ma non se ne garantisce l'evasione prima del 29 Agosto.

Alpes Italia vi augura buone vacanze!

L’uso della filosofia nei contesti terapeutici e riabilitativi

«L’atto intempestivo del filosofo si colloca su questa incrinatura, dove una vita fondamentalmente attraversata dal dolore può ritrovare, in se stessa, qualcosa che non le appartiene, come un’immagine, qualcosa che proprio in virtù della sua irriducibilità rende la vita abitabile, poiché scava in essa “una sorta di interno, di intimità, di abitabilità”».

- . -

Questo lavoro nasce dall’incontro tra il pensiero filosofico e le pratiche terapeutiche: a partire da un’esperienza realizzata nel 2018 presso il Centro Diurno di Vicolo Terese (VR), filosofi, psicologi e psicoanalisti riflettono sulle potenzialità della filosofia pratica nelle attività riabilitative rivolte a persone con diagnosi psichiatriche gravi. Attraverso una modalità laboratoriale e gruppale, nove pazienti del Centro Diurno hanno sperimentato un nuovo modo di incontrare il momento della propria “caduta”, mediante la potenza trasformativa delle immagini e della domanda filosofica.
La caduta è un’esperienza comune, costitutiva dell’esistenza; tuttavia, ciascuno cade a suo modo, singolarmente. Il gesto di cura filosofico si colloca precisamente sull’incrinatura tra la propria esperienza vissuta e ciò che in essa è inappropriabile, alla ricerca di un modo di abitare la propria caduta.

Anteprima

>