• Giornale Storico del Centro Studi di Psicologia e Letteratura 
Cibo 
n. 22-2016
    Psicologia

    Giornale Storico del Centro Studi di Psicologia e Letteratura
    Cibo
    n. 22-2016

    13,00 €

    Spese di spedizione a partire da 10,98€

    Disponibile in magazzino

Giornale Storico del Centro Studi di Psicologia e Letteratura Cibo n. 22-2016

Gli autori

Attenzione!

Cari lettori, gli acquisti sul sito della casa editrice sono regolarmente attivi tuttavia a causa dell'emergenza sanitaria le consegne effettuate con corriete TNT potrebbero subire dei rallentamenti e le tempistiche allungarsi fino a 5-6 giorni lavorativi.
Temporaneamente invece abbiamo dovuto sospendere le consegne con il servizio di raccomandata piego di libri e piego di libri ordinario di Poste italiane.
Qualora ci fossero ulteriori cambiamenti avremo cura di avvisarvi.

Cibo: parola che raccoglie in sé una pluralità di significati, nucleo centrale di un’esperienza ineludibile e condivisa da tutti. Quando diciamo cibo, ci riferiamo ad ogni tipo di sostanza che rende possibile il nutrimento, ma non solo: esso scandisce e condiziona, da una parte, i ritmi del nostro esistere, dall’altra, anche quelli del nostro sentire. Poiché la sua assunzione produce modificazioni continue dello stato umorale in un’alternanza tra piacere e sofferenza: non solo il generico benessere dell’esser “pieni”, ma anche l’angoscia dell’esser “vuoti”. In un’alternanza, tra presenza e penuria, che, quando diventa assenza, scatena il bisogno di migrare per cercarlo. Ma il cibo è anche simbolo mediatore del nostro rapporto con la Natura, di una dipendenza necessaria che ci ricorda durante tutta la vita la nostra appartenenza, il nostro legame con la Madre Terra. Il cibo, ci rammenta la durata e la finitudine. La ciclicità. Il mutamento. Infine, con la nostra morte, diventiamo cibo noi stessi, tornando alla terra.

>