• Intersessualità e devianza criminale
    Criminologia e Scienze Sociali

    Intersessualità e devianza criminale

    13,00 €

    Spese di spedizione a partire da 10,98€

    Disponibile in magazzino

Intersessualità e devianza criminale

Gli autori
Franza Annarita

Franza Annarita

Docente in Discipline Antropologiche

Lusa Vincenzo

Lusa Vincenzo

Professore di Antropologia Forense

Attenzione!

Cari lettori, gli acquisti sul sito della casa editrice sono regolarmente attivi tuttavia a causa dell'emergenza sanitaria le consegne effettuate con corriete TNT potrebbero subire dei rallentamenti e le tempistiche allungarsi fino a 5-6 giorni lavorativi.
Temporaneamente invece abbiamo dovuto sospendere le consegne con il servizio di raccomandata piego di libri e piego di libri ordinario di Poste italiane.
Qualora ci fossero ulteriori cambiamenti avremo cura di avvisarvi.

Il volume analizza sotto il profilo antropologico, criminologico, giurisprudenziale e carcerario il concetto di devianza criminale applicato alla comunità LGBTIQ+ nel duplice ruolo di autore e vittima di reato. Avvalendosi di un approccio multifattoriale, il testo vuole sottolineare l’esigenza di dirigere il faro della criminologia sulle cause e le conseguenze del fenomeno criminale all’interno dell’intraspecialismo disciplinare della queer criminology, branca della criminologia di matrice anglosassone ad oggi non ancora adeguatamente rappresentata in ambito italiano.
Su queste basi è possibile affermare come la riduzione della ricerca criminologica, all’interno dell’eteronormatività, ponga dei severi limiti nella comprensione dell’esperienza criminale di tutti quei soggetti che solo parzialmente aderiscono alle categorie e ai costrutti della semeiotica tradizionale
Questo volume vuole dunque offrire tanto al ricercatore quanto al professionista una panoramica ragionata ed informata circa le azioni che è possibile intraprendere, secondo una prospettiva criminologica, antropologica e legale, in merito alle problematiche di sicurezza e trattamento delle persone LGBTIQ+ all’interno del sistema giudiziario.

 

Anteprima

>