• La dimensione estetica nella clinica
    Psicologia

    La dimensione estetica nella clinica

    10,00 €

    Spese di spedizione a partire da 5,65€

    Disponibile in magazzino

La dimensione estetica nella clinica

Gli autori
Rugi Goriano

Rugi Goriano

Psichiatra, psicoterapeuta, psicoanalista di gruppo

Che cosa c'è oltre la parola che possa avere una funzione nella cura e nel cambiamento dei nostri pazienti? Sono passati 120 anni da quando Anna O., definì talking cure la sua terapia con Breuer. Freud non ha mai modificato questa felice espressione, che è rimasta una metafora fondante della psicoanalisi. Da allora la talking cure è stata declinata come cura "attraverso la parola" e come cura della parola, talking care, lasciando la verbalizzazione come mezzo e insieme fine della terapia. L'idea che tutto deve ruotare intorno alla parola è rimasta centrale e il paradigma narrativo si è attestato al centro del "campo" e ha finito per coincidere con le sue trasformazioni narrative. Da questo modello rimane però fuori il non detto, il dolore irrappresentabile, e tutti gli aspetti non riconducibili al conflitto, che invece sono gli elementi portanti delle patologie gravi. Diversamente è fin troppo attuale una deriva di tecniche a mediazione corporea, comportamentali, energetiche, biodinamiche, in cui è difficile orientarsi e distinguere la manipolazione dalla efficacia terapeutica. Freud non è riuscito a pensare l'emotività come il vero motore della sostanza della vita mentale, a sviluppare una teoria in grado di integrare l'importanza dell'altro e della realtà in un modello relazionale della mente. Questo passaggio ha richiesto gli apporti di Winnicott, Bion, Gilliéron, in cui la talking cure è diventata sempre più una cura attraverso la parola e una relazione significativa, in cui la salute mentale e lo sviluppo della mente avvengono attraverso la qualità della relazione intima, tra analista e paziente, bambino e caregiver. Per Bion l'emozione è il significato dell'esperienza, che va capita e con la quale dobbiamo restare in contatto perché la mente possa svilupparsi. Meltzer chiama "livello estetico dell'esperienza" questo strato profondo dei rapporti intimi passionali. Questo testo raccoglie i lavori di un convegno che senza la pretesa di esplorare tutti questi aspetti, ha cercato di interrogarsi sulla possibilità di individuare una dimensione specifica che caratterizzi insieme il fare clinico e la riflessione teorica di una cura che possa raggiungere gli strati più profondi e feriti del paziente.

>