Attaccamenti

Attenzione!

I nostri uffici resteranno chiusi per ferie dal 1 al 28 Agosto compresi.

In questo periodo sarà comunque possibile effettuare ordini dal sito con spedizione tramite corriere ma non se ne garantisce l'evasione prima del 29 Agosto.

Alpes Italia vi augura buone vacanze!

Per la prima monografia della nuova collana la scelta è caduta sul tema dell’attaccamento. Non al singolare, nel senso della teoria dell’attaccamento. Al contrario, attaccamento al plurale, con l’idea di esplorare a tutto campo il tema partendo dalla teoria dell’attaccamento, nata all’interno del crogiolo psicoanalitico grazie a una creativa convergenza con altre discipline. La teoria dell’attaccamento rappresenta un ambito centrale ma anche parziale del fascicolo. Intorno a essa si sviluppa un discorso in primo luogo di carattere storico che prende in considerazione due aspetti molto distanti tra loro: la figura di John Bowlby da un lato e la ricezione della teoria dell’attaccamento nella psicologia accademica italiana dall’altro. Il nocciolo della sezione dedicata alla teoria dell’attaccamento è tuttavia rappresentato dal contributo di Fonagy e Target che potremmo considerare una sorta di Manifesto della teoria dell’attaccamento in versione aggiornata. Dalla discussione del lavoro di Fonagy e Target da parte di due auto-revoli psicoanalisti italiani, prende l’avvio l’analisi di una serie di sviluppi della teoria dell’attaccamento all’interno del campo analitico: il confronto con le neuroscienze, la concettualizzazione della sessualità in adolescenza, la psicoterapia psicoanalitica, la psicopatologia cognitiva.
Ma attaccamento non è soltanto teoria dell’attaccamento nè attaccamento in senso etologico-comportamentale: vuol dire anche attaccamento a sistemi di riferimento, modelli, teorie, visioni del mondo che qualche volta diventa così ostinato da rendere difficile tornare sui propri passi, rivedere criticamente le proprie idee, cogliere sviluppi e nuove possibilità, nel campo della scienza come in quello della psicoanalisi. In che misura ad esempio una quota di dogmatismo è salutare al progresso della scienza? Quando è utile a impedire che una teoria sia troppo frettolosamente abbandonata sotto la spinta delle critiche? In che modo contemperare dogmatismo e innovazio-ne? Quando l’attaccamento a un sistema di idee si trasforma in ideologia o in paranoia e diventa “malattaccamento”, ovvero distorsione dell’attaccamento? Un malattaccamento che riguarda anche la psicoanalisi e che può tradursi in disaffezione alla psicoanalisi.
Attaccamento può significare anche dipendenza relazionale o distorsione perversa dell’attaccamento. E ancora e soprattutto legame: che cosa accade quando si crea un legame solido, che resiste agli insulti del tempo e all’usura di una vita? Che cosa accade in quelle coppie, sempre più rare, che “tengono” e arrivano a invecchiare insieme? Di che natura è il legame di attaccamento negli altri animali o con quegli animali con i quali l’uomo ha stabilito un rapporto privilegiato? Per finire, come si configurano l’attaccamento e la coscienza di legame in culture molto diverse dalla nostra?

Con i contributi di: Massimo Ammanniti - Vincenzo Bonaminio - Elena Carloni - Nino Dazzi - Giuseppe Di Chiara - Benedetto Farina - Anna Ferruta - Antonino Ferro - Peter Fonagy - Francesco Gazzillo - Benedetta Guerrini - Vittorio Lingiardi - Giovanni Liotti - Stefania Nicasi - Giampaolo Nicolais - Mario Rossi Monti - Sergio Muscetta - Emanuela Prato Previde - Paolo Rossi - Chiara Rosso - Giuseppe Sabucco - Allan N. Schore - Judith R. Schore - Anna Maria Speranza - Mary Target - Paola Valsecchi - Patrizia Velotti - Giulio Cesare Zavattini

Disponibile anche nel formato Ebook

>