Rivelazioni dell'incompiuto

Gli autori
Green André

Green André

Psicoanalista

A proposito del Cartone di Londra di Leonardo da Vinci

“La prima reazione fu di meraviglia, è stato come trovarsi di fronte all’alba di un giorno d’estate, un’impressione simile a quello che si prova quando un velo viene strappato o sollevato e si rimuove così l’ostacolo che impedisce la visione nitida del giorno illuminato dal sole. Questo sole abbagliava, sia per la bellezza di ciò che rivelava sia per l’intelligenza di ciò che dava a capire. Questa emozione riposava anche sulla straordinaria armonia degli elementi che entrano nella sua composizione”. 

 

L’uscita della traduzione italiana di Révélations de l’inachèvement di André Green suscita un’emozione particolare come se si trattasse di un manoscritto segreto, una sonata mai eseguita, un quadro appeso in un angolo riparato della casa dell’autore anche se accessibile alla vista. (…) Green parla fin dall’inizio e direttamente della sua grande emozione di fronte al Cartone di Londra di Leonardo raffigurante la Vergine e il Bambino, insieme a Sant’Anna e San Giovanni Battista, (…) parla del saggio di Freud su Leonardo mettendo in campo le varie teorie degli storici dell’arte, descrive le polemiche e le critiche. Ma quello che emerge con più forza da tutte queste componenti è lo stile del suo pensiero. Un ‘discorso vivente’ dove gli affetti hanno una rilevanza fondamentale e anzi delineano la traccia che scorre parallelamente all’organizzazione concettuale. 
(dalla prefazione di L. Preta)

Il testo si sviluppa su diversi binari che tra loro si intersecano, Freud e Leo­nardo, psicoanalisi e storia del­l’ar­te, Green psicoanalista e Green ap­passionato d’arte, studioso di arte e di storia dell’arte, Green e Freud: l’autore non teme di mettere in gioco la propria soggettività ben sa­pendo che in materia di psichismo l’investigatore non può escludere dalla sua ricerca le proprie strutture soggettive, mettendo in conto le reazioni dell’inconscio. Questo sarà anche il pri­sma interpretativo che Green utilizzerà per rileggere il saggio di Freud su Leonardo, in particolare per analizzare il clamoroso ‘errore dell’avvoltoio’; l’incidente di traduzione che ha segnato il destino di questo importante scritto, del quale peraltro il padre della psicoanalisi andava molto fiero. 
(dall’introduzione di V. Santilli)

Anteprima

>