Dialogando con Glen O. Gabbard

Gli autori
De Giorgi Cosima

De Giorgi Cosima

Psichiatra

Masina Luisa

Masina Luisa

Psichiatra

Attenzione!

I nostri uffici resteranno chiusi per ferie dal 1 al 28 Agosto compresi.

In questo periodo sarà comunque possibile effettuare ordini dal sito con spedizione tramite corriere ma non se ne garantisce l'evasione prima del 29 Agosto.

Alpes Italia vi augura buone vacanze!

Vengono qui pubblicate due relazioni (di cui una inedita), e per la prima volta i contributi di Glen Gabbard durante il suo dialogo con il pubblico. Glen Gabbard offre un’immagine della psicoanalisi che pone al centro il paziente e fa riflettere sulle molteplici forme in cui il cambiamento si può declinare per ciascun individuo. Egli parla di una psicoanalisi “non coercitiva”, “sovversiva”, nel senso che non si pone come obiettivo la risoluzione dei sintomi, “non convenzionale” secondo la quale le resistenze vanno comprese e accolte per quello che possono rivelare del paziente. Emerge il valore della clinica, che ci mostra la singolarità di ogni esperienza umana. 
L’ Autore invita a tener conto della paura del cambiamento, della paura della verità, oltre che del desiderio dichiarato dai pazienti di liberarsi dei propri sintomi. Gabbard mette in guardia l’analista dalle proprie aspettative verso il paziente, che si configurano come gratificazioni narcisistiche; ogni terapia è infatti esposta ai rischi di violazioni della soggettività del paziente o del setting analitico. Egli indica nella ricerca di una terzietà, rappresentata dal metodo analitico e dallo scambio con i colleghi, lo strumento principale di prevenzione e la raccomandazione che rivolge agli analisti è quella di adattare il proprio approccio analitico al paziente. 

 

Presentazione di Stefano Bolognini

Anteprima

>