• La dittatura del godimento
    Psichiatria

    La dittatura del godimento

    Racconta il disagio dell'uomo contemporaneo attraverso un'analisi dei cambiamenti che hanno caratterizzato il passaggio dall'epoca moderna a quella attuale
    State of Mind, Il giornale delle scienze psicologiche

    12,00 €

    Spese di spedizione a partire da 10,98€

    Disponibile in magazzino

La dittatura del godimento

Gli autori
Luciani Daniele

Luciani Daniele

Psicologo, psicoterapeuta, psicoanalista

Attenzione!

Cari lettori, gli acquisti sul sito della casa editrice sono regolarmente attivi tuttavia a causa dell'emergenza sanitaria le consegne effettuate con corriete TNT potrebbero subire dei rallentamenti e le tempistiche allungarsi fino a 5-6 giorni lavorativi.
Temporaneamente invece abbiamo dovuto sospendere le consegne con il servizio di raccomandata piego di libri e piego di libri ordinario di Poste italiane.
Qualora ci fossero ulteriori cambiamenti avremo cura di avvisarvi.

A partire da una delle questioni più radicali della nostra epoca – “perché non siamo felici nella società del benessere?” – il lavoro di Daniele Luciani indaga il rapporto che l’essere umano intrattiene con il desiderio, il godimento, il corpo, i legami sociali, il discorso familiare e il sistema scolastico, mettendolo in tensione con quanto accadeva nell’epoca moderna appena trascorsa. Da questo confronto emerge, in particolare, la difficoltà dell’individuo contemporaneo ad arginare la spinta al godimento propagandata dal discorso capitalistico. In effetti, l’uomo dell’era postmoderna che si crede libero di scegliere il proprio bene tra i prodotti e le occasioni del mercato, finisce per sottomettersi ad una “dittatura del godimento” che rinnova in lui quella insoddisfazione che pretende inconsciamente di esiliare. Così, l’alleanza feroce tra capitalismo ed inconscio lo illude di poter colmare una mancanza dell’essere che non è contingente, bensì strutturale; senza peraltro contare sull’“ombrello” del padre che in passato permetteva di dare un senso all’infelicità del vivere, ai conflitti derivanti dalle relazioni con gli altri, alle incognite dell’amore e della sessualità.  

Leggi la recensione di State of Mind

Anteprima

>