• Le parafilie maggiori
    Psichiatria

    Le parafilie maggiori

    12,00 €

    Spese di spedizione a partire da 10,98€

    Disponibile in magazzino

Le parafilie maggiori

Gli autori
Liggio Ferdinando

Liggio Ferdinando

Primario psichiatra emerito

Attenzione!

I nostri uffici resteranno chiusi per ferie dal 1 al 23 Agosto compresi.

In questo periodo sarà comunque possibile effettuare ordini dal sito con spedizione tramite corriere ma non se ne garantisce l'evasione prima del 24 Agosto.

Alpes Italia vi augura buone vacanze!

Con il termine “parafilia” – derivato dall’unione del prefisso greco “para” = “presso”, “accanto”, “vicino”, “oltre”, ecc. con il sostantivo greco “filia” = “amicizia”, “affinità”, “affettività”, “attrattività”, ecc. – si suole indicare ogni attività “erotico-sessuale” ritenuta inusuale, ma che si manifesta nel soggetto come forma di “eroto-sessualità”, esclusiva o prevalente, che comporta disagio relazionale. Tali attività “erotico-sessuali” sono state qualificate in “Parafilie minori” (quelle che normalmente non comportano dinamiche criminose) e “Parafrenie maggiori” (quelle che inevitabilmente comportano condotte criminose).
Le “Parafilie” considerate maggiori, oggetto della presente trattazio-ne, relativamente poche, sono costituite: 1) dal “Sadismo” con le sue particolari complicanze aggravanti consistenti nella “Chelidolagnifilia”, nella “Chentolagnia”, nella “Orbilianismofilia”, nella “Vampirismofilia”, nell’“Antropofagofilia” e nell’“Necroantropofagofilia”; 2) dal “Masochismo” con la sua particolare varietà consistente nell’“Ibistrofilia”; 3) dalla “Pedofilia” con le sue particolari varietà consistenti nella “Lolitofilia”, nella “Efebofilia”, nella “Neofilia”, nella “Frenastenopedofilia”, nella grave “Sadopedofilia” e nella “Pedofilia telematica”; 4) dall’“Incestofilia”; 5) dalla “Necrofilia” con la sue due particolare complicanze aggravanti consistenti nella “Necrosadismofilia” e nella “Necroantropofagofilia”; 6) dalla “Zoofilia” con la sua particolare complicanza aggravante consistente nella “Zoostuprofilia”. Dal seguente studio è emerso con notevole evidenza che fra le “Parafrenie” quelle definite “maggiori”, in specie, sono pienamente inquadrabili nella categoria degli “atavismi filetici”.

>