• La doppia morte di 
Gerolamo Rizzo
    Psichiatria

    La doppia morte di
    Gerolamo Rizzo

    11,00 €

    Spese di spedizione a partire da 10,98€

    Disponibile in magazzino

La doppia morte di Gerolamo Rizzo

Gli autori
Di Petta Gilberto

Di Petta Gilberto

Neuropsichiatra

Attenzione!

Cari lettori, gli acquisti sul sito della casa editrice sono regolarmente attivi tuttavia a causa dell'emergenza sanitaria le consegne effettuate con corriete TNT potrebbero subire dei rallentamenti e le tempistiche allungarsi fino a 5-6 giorni lavorativi. Le consegne sono attualmente sospese nei cap serviti dalle filiali di Alessandria, Bergamo, Brescia e Orbassano e subiscono notevoli ritardi per le isole.
Temporaneamente invece abbiamo dovuto sospendere le consegne con il servizio di raccomandata piego di libri e piego di libri ordinario di Poste italiane.
Qualora ci fossero ulteriori cambiamenti avremo cura di avvisarvi.

Il 30 settembre del 1908, a Genova, in Piazza Umberto I, un uomo alto, con baffetti e occhialini d’oro, giustizia con un colpo di rivoltella un prete a caso, che transitava di lì. L’omicida, Gerolamo Rizzo, un maestro afflitto da “manie di persecuzione” pone fine, oltre che ad una vita innocente, alla propria vita civile. Questa è la storia clinica, tragica e umana, di un’Italia tra la belle époque e il bagno di sangue della Grande Guerra. Ventiquattro anni dopo quello stesso omicida viene ucciso, a calci in faccia, da un altro folle, nel manicomio di Quarto. 
Un secolo dopo questo memoire scritto, all’epoca, dallo stesso Rizzo, spunta da una polverosa cartella archiviata nell’ex manicomio di Cogoleto. Intorno ad esso quattro psichiatri e un criminologo, attraverso un lavoro clinico, indiziario e storico-critico, incrociano le storie degli assassini e delle vittime, dei giustiziati e dei giustizieri. Ne risulta una lucida discesa agli inferi, un mondo, come quello del caso Schreber o del caso Wagner, che svapora inesorabilmente nei fumi della follia fino al suo epilogo tragico. 
La narrazione è essenziale, lucida, dettata dal dolore, dalla solitudine e dalla disperazione ma rivela, meglio di un trattato, oltre l’abisso la regia, stupefacente ed occulta, del “Macrocacofono”, la macchina influenzante di Rizzo, coeva a Krepelin e a Tausk, a Bleuler e a Kretschmer, ad Edison, Hertz e Marconi.


Sul sito pol.it alcune recensioni del libro:
http://www.psychiatryonline.it/node/8466  
2 http://www.psychiatryonline.it/node/8465
http://www.psychiatryonline.it/node/8464
http://www.psychiatryonline.it/node/8461
5 http://www.psychiatryonline.it/node/8460
 

 

Anteprima

>