• L'ingiustizia estrema 
"Gli Antemorti"
    Varie

    L'ingiustizia estrema
    "Gli Antemorti"

    14,00 €

    Spese di spedizione a partire da 5,65€

    Disponibile in magazzino

L'ingiustizia estrema "Gli Antemorti"

Gli autori
Pacitto Maria Felice

Pacitto Maria Felice

Psicologa, psicoterapeuta

  • Home
  • Varie
  • L'ingiustizia estrema "Gli Antemorti"

Attenzione!

I nostri uffici resteranno chiusi per ferie dal 3 al 25 Agosto compresi.
In questo periodo sarà comunque possibile effettuare ordini dal sito ma non se ne garantisce l'evasione prima del 26 Agosto.

Alpes Italia vi augura buone vacanze!

Questo l'incipit del libro: "Perché il male? Perché il dolore? Perché la morte?". Si tratta di domande che gli uomini da sempre si sono posti, soprattutto quando il dolore e la morte riguardano gli innocenti e i giovani ("Gli Antemorti"). A tali domande hanno cercato di rispondere le teorie filosofiche, le religioni, le teorie psicologiche (si tratta di quelle teorie che hanno sviluppato una riflessione ontologica di fondo: Freud, Jung, May) e, per quel che riguarda il male morale, le neuroscienze.
Questo libro, con riferimenti storici e letterari, si sofferma sul vissuto dell'uomo contemporaneo dinanzi al pensiero della morte. Oggi si rimuove la morte come nell'epoca vittoriana si rimuoveva il sesso. A differenza che nelle epoche passate, l'idea della morte e della fragilità della vita non sembra rientrare nel pessimismo dell'uomo contemporaneo: "Ma è impossibile che l'uomo ignori a lungo la propria morte. Prima o poi essa ci "tocca", nel senso che ci fa male, per ché ci colpisce nelle persone care e ci "tocca" perché ci aspetta inevitabilmente". Ma non è tanto il pensiero della propria morte a provocare sofferenza quanto, piuttosto, il pensiero della morte dell'altro, amato più di se stessi.
La trattazione si sviluppa attraverso precisi riferimenti storico-culturali, sorretta da argomenti filosofici e psicologici, ma anche da un attento riferimento alle testimonianze di vita.
Al professionista capita spesso di doversi occupare, nella sua pratica, di una psicoterapia del lutto o di dover rispondere a domande ed affrontare temi fondamentali dell'esistenza che i pazienti spesso pongono, soprattutto quando la psicoterapia non si limiti alla semplice risoluzione dei sintomi ma si dilati, invece, nella ricerca del senso e del significato della vita. Questo lavoro, pertanto, si offre alla lettura del professionista che può trovarvi argomenti e occasione di riflessione per la sua pratica clinica; ma anche al lettore comune che voglia trovare consolazione a vicende tristi della sua vita o, semplicemente, si offre al lettore sensibile che voglia confrontarsi con i temi significativi dell'esistenza.

>