• La crisi della psicoanalisi e dei suoi fondamenti epistemologici
    Psicologia

    La crisi della psicoanalisi e dei suoi fondamenti epistemologici

    29,00 €

    Spese di spedizione a partire da 5,65€

    Disponibile in magazzino

La crisi della psicoanalisi e dei suoi fondamenti epistemologici

Gli autori
Giacomini Gian Giacomo

Giacomini Gian Giacomo

Medico neuropsichiatra, psicoterapeuta

  • Home
  • Psicologia
  • La crisi della psicoanalisi e dei suoi fondamenti epistemologici

Ormai da molti decenni la psicoanalisi si trova al centro di un acceso dibattito in merito ai suoi fondamenti epistemologici ed alla legittimità della sua aspirazione di qualificarsi come un'autentica disciplina scientifica.
Una tale aspirazione è stata sin dagli inizi alla base della ricerca di S. Freud, che si riproponeva di conferire alla Weltanschauung psicoanalitica uno statuto epistemologico non dissimile da quello delle scienze naturali.
In questa prospettiva, la stessa teoria freudiana della personalità veniva fondata sulla dottrina metapsicologica delle pulsioni istintuali e sulle leggi economico-fisicalistiche dell'omeostasi, della costanza e dell'entropia cosmica.
Una simile impostazione riduzionistica era però destinata a risultare incongruente rispetto allo spirito originario della ricerca psicoanalitica, che rivolgeva i suoi interessi verso le problematiche più profonde della personalità interiore, in tutta l'ampiezza delle sue intrinseche contraddizioni e che si costituiva nell'ambito del rapporto dialogico e dialettico tra l'interiorità dell'analizzando e quella dell'analista (e non sul terreno di una sperimentazione puramente oggettualistica, com'è tipico della psicologia naturalistica).
In particolare, nel corso della storia del pensiero psicoanalitico, doveva sempre meglio evidenziarsi l'importanza fondamentale del tema dell'Io, non solo come automatismo difensivo, ma anche e soprattutto come soggetto riflessivo (Sè), sia in rapporto alla teoria della personalità, sia in relazione con la prassi del trattamento psicoterapeutico.
Secondo l'Autore, in tali incongruenze epistemologiche dovrebbero essere individuate le origini della crisi nella quale viene a trovarsi attualmente il pensiero psicoanalitico e della grande dispersività delle diverse scuole che da tale pensiero discendono.
Nei saggi raccolti nel presente volume, conformandosi ai criteri della Tavola Epistemologica Universale, l'Autore sviluppa la tesi che, per un superamento della crisi in cui, ancor oggi, si dibatte la ricerca psicoanalitica, si renda necessaria una rigorosa applicazione del metodo dialettico attualistico, nella teoria e nella prassi.

>